Ricordo i pomeriggi d’estate,
ti vedo là in sottoveste,
scrutavo il tuo corpo che si intravvedeva
nelle tue vestagliette,
ti vedo cucire,
tanti fili colorati

Quante volte mi hai fatto vedere
come funzionava la macchina da cucire

Questa figlia,  non voleva

Quante cose non ho imparato,
ma tante sono entrate dentro di me…

Non so cucire, ma come te sono forte,
non mi arrendo, non ho paura